Categorie
SEO

SEO fai da te #0: Come indicizzare un sito da zero

La SEO fai da te è possibile, questo significa che anche se non conosci i fattori di ranking, Bert o gli altri algoritmi di Google, puoi portare il tuo sito in prima pagina sui motori di ricerca.

Ovviamente tutto questo ha dei limiti, ma potrai comunque ottenere buoni risultati.

In questo articolo scriverò la prima parte di una guida SEO per indicizzare un sito web, un blog o un e-commerce, dando dei consigli reali e gratuiti. Prendi quanto segue come la presentazione di un corso SEO, al quale spero possano far seguito altre lezioni.

Per parlare veramente di “SEO fai date”, ovviamente, tutto questo deve essere offerto gratuitamente.

I primi paragrafi li scrivo per condividere le ragioni di questa sorta di “Corso SEO Gratuito” ma, se non te ne po frega de meno (come diciamo a Roma), skippa direttamente ai paragrafi che t’interessano.

Perché scrivo questo articolo

In questi giorni mi sto concentrando molto sul mio servizio di Analisi SEO e sull’intento di ricerca della relativa parola chiave.

Scrutando la SERP, ho notato che scrivendo su Google “Analisi SEO”, quasi ogni risultato riguarda i “SEO tools”, ovvero un software con cui analizzare il tuo sito e quello della concorrenza.

Oltre a questo, ho notato che i forum e i gruppi dedicati alla SEO, sono frequentati, sempre di più, da moltissimi imprenditori e, liberi professionisti che hanno deciso di provare a gestire da soli la SEO.

Dopo 10 anni di attività come SEO specialist, posso dire che mentre chi possiede un sito e-commerce, o un’azienda con più dipendenti, si affida a un SEO specialist, i liberi professionisti o i piccoli imprenditori, sono più propensi a richiedere una consulenza SEO solo per migliorare la propria conoscenza della materia. Oppure provano a fare tutto da soli.

Prima iniziare a parlare di “SEO fai da te”, vorrei fare qualche precisazione.

Come funziona la SEO fai da te

Avendo vissuto per molti anni in casa con altre persone, sono diventato uno specialista nello “Sturare un lavandino”. In questo sono veramente bravo.

Guardando un tutorial su YouTube, sono riuscito a sostituire la spazzola del tergicristallo di una smart e, quando ero adolescente, mi è capitato più volte di smontare e rimontare il mio scooter.

Probabilmente, anche te sei in grado di svolgere lavori di questo tipo, ma certamente non saprai sostituire un motore o montare un impianto elettrico.

Che significa tutto questo?

Ho scritto questa premessa per spiegare come funziona la SEO fai date.

Se tu sei un artigiano, vendi monopattini elettronici, case o tieni corsi di yoga, puoi certamente imparare le basi della SEO e forse, potrai gestire quasi in totale autonomia l’ottimizzazione del tuo sito. Ma questo non farà di te un SEO specialist.

Così come riparare un rubinetto non fa di te un idraulico, o cambiare una candela non fa di te un meccanico. Quando hai un problema serio, devi chiamare un professionista.

Tutto questo però non deve demoralizzarti.

Per gestire la SEO hai bisogno di tempo

Gestire il marketing del proprio business richiede tempo, e questo vale anche per la SEO. Spesso mi è capitato di parlare con professionisti che volevano imparare la SEO, ma non avevano tempo di scrivere un articolo o di studiare le principali regole SEO.

Questo è un problema, perché gestire la SEO richiede tempo, e se non puoi dedicare tempo a tutto questo, non puoi minimamente pensare alla “SEO fai date”.

Anche io devo gestire in autonomia il mio web marketing e, per farlo devo trovare tempo che tolgo a potenziali clienti o ad altri aspetti della mia vita.

Senza il tempo, non esiste la SEO fai da te.

Una guida SEO per principianti

Quanto riporto di seguito, è una guida SEO per principianti, pertanto:

  • Usero a volte toni ed espressioni comprensibili a tutti
  • Introdurrò e approfondirò i vari argomenti gradualmente
  • Suggerirò degli articoli per approfondire i vari punti

1 – Comprare hosting e dominio

Siccome questo articolo si chiama “SEO fai da te da zero”, partiamo proprio dalla base, ovvero dal sito web.

Senza un sito web, infatti, non si può parlare di SEO, per questo devi comprare un dominio e un hosting.

Cosa non fare

Non andare oltre se non sai rispondere a queste 2 domande:

  • Che cosa è un dominio?
  • Che cosa è un Hosting?

Ti prego non costringermi a scrivere un articolo a riguardo.

  • Non cercare domini o hosting gratuiti
  • Non andare al risparmio
  • Non scegliere scegliere servizi di hosting gratuiti come
  • Non scegliere un nome dominio difficile da pronunciare o troppo lungo

Hosting e dominio: dove e cosa comprare

Ti consiglio di comprare hosting e dominio in un’unica soluzione, evitando servizi gratuiti o troppo a buon mercato.

Io utilizzo Siteground, consigliato da WordPress, così come BlueHost e Dreamhost. Sono servizi che costano di più ma l’hosting è veramente importante.

Uno dei principali fattori di ranking, fondamentale anche per la user experience è la velocità di caricamento. Servizi di hosting economici, non offrono prestazioni soddisfacenti, per questo io consiglio ai miei clienti di investire in questo tipo di servizio.

Siteground, per esempio, offre un plugin dedicato per aumentare la velocità di caricamento del sito.

2 – Ricercare le parole chiave

Dopo il dominio, starai già pensando alla scelta del template, a quali prodotti inserire in home page e alle pagine da inserire nel menu, ma devi fermarti.

Ora devi capire come creare la struttura del tuo sito secondo le le principali regole SEO, ma per farlo, devi prima individuare le giuste parole chiave per il tuo sito.

Per farlo, devi capire come le buyer persona cercano i tuoi prodotti o servizi, ovvero: quali parole chiave utilizzano. Una volta individuate le parole chiave, dovrai assicurarti che la struttura del tuo sito segua un semplice principio:

Una parola chiave per ogni pagina.

Che significa?

Significa che per ogni pagina del tuo sito, devi individuare una precisa parola chiave, che possiamo definire “Principale”. Una volta individuata la principale, potrai individuare le parole chiave a coda lunga.

Importante: una pagina web può indicizzarsi per più parole chiave contemporaneamente.

L’argomento “Ricerca delle parole chiave”, sarà oggetto della prossima puntata di “SEO fai da te”.

3 – Creare la struttura del tuo sito

Dopo aver individuato le parole chiave più importanti del tuo sito, prima di pensare al layout, crea la struttura del tuo sito, scrivendola semplicemente su un file di testo o su un file excel.

Per spiegare meglio di cosa parlo, come esempio andrò a creare un sito per vendere corsi di yoga online. Partendo proprio dalla struttura, ovvero dal menu di navigazione, vado a ipotizzare le pagine di cui ho bisogno e le scrivo in un file di testo.

  • Home
  • Chi sono
  • Contatti
  • Prenota
  • Blog
  • Corsi

Questa è la struttura base. Adesso vado però a strutturare la pagina dei corsi, in quanto ho deciso di creare corsi yoga diversi, per buyer persona diversi.

  • Yoga per dimagrire
  • Yoga per principianti
  • Yoga per mal di schiena
  • Power yoga

Probabilmente non l’hai notato, ma ogni pagina del mio sito corrisponde a una precisa parola chiave con un determinato volume di ricerca.

  • Yoga per dimagrire (3600 ricerche/mese)
  • Yoga per principianti (4400 ricerche/mese)
  • Yoga per mal di schiena (260 ricerche/mese)
  • Power yoga (2400 ricerche/mese)

Per ora mi fermo qui, queste sono le prime pagine del mio sito, pagine del mio sito, ma la strada è ancora lunga.

Non è ancora il momento di pensare al web design

Prima di salutarti, ti ricordo che ancora non è il momento di creare il sito, né da solo, né con l’aiuto di un web designer.

Potrai creare il tuo sito solo dopo aver creato contenuti, ma per farlo, dovrai prima individuare le parole chiave relative al tuo business online.

Per ora mi fermo, condividerò sui miei social il prossimo episodio “SEO fai da te #1: Ricercare le parole chiave”. Se vuoi puoi seguirmi su Twitter @stefanogallon.

Guide per comprendere la SEO

Di seguito riporto alcune guide che ti aiuteranno a comprendere meglio la SEO:

Di Stefano Gallon

SEO Specialist dal 2009, mi occupo dello sviluppo di strategie per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Appassionato di Politica e Influencer, che poi forse sono la stessa cosa...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.