Categorie
SEO

Cos’è veramente la SEO (search engine optimization)?

Che cos’è la SEO? Al si là del suo significato intrinseco, la “Search Engine Optimization” è la strategia migliore per aumentare il traffico del tuo sito (o e-commerce).

Le visite che arrivano al tuo sito grazie alla SEO, infatti, è notoriamente più “Di qualità”, rispetto al traffico PPC.

Inoltre, è risaputo che circa l’80% degli utenti che utilizza un motore di ricerca, clicca sul risultato “Organico”, ovvero SEO, invece che sul risultato PPC, ovvero ottenuto con Google Ads.

La SEO si basa sull’inbound marketing, ovvero sul principio di “Farsi trovare” dal cliente invece che “rincorrerlo” come avviene invece per l’outbound (call center, email, etc).

La conversione, o la vendita, avviene attraverso l’ottimizzazione di pagine web per far in modo che offrano risultati soddisfacenti per determinate parole chiave. Le pagine in questione devono, ovviamente, essere realizzate secondo un design moderno, veloce o, in 2 parole, “SEO Friendly”.

Come avrete già capito, c’è veramente molto da dire sulla SEO, ma niente paura, in questo articolo esporrò in maniera sintetica ed esaustiva che cosa è realmente la SEO, a cominciare dal suo significato.

SEO: il marketing migliore durante la pandemia di covid-19

La pandemia causata dal covid-19 e le varie quarantene hanno generato una crisi economica mondiale che ha coinvolto quasi tutti i settori, ovviamente anche il marketing.

In molti casi, sono diminuiti gli investimenti in PPC, influencer marketing, televisione e molto altro.

Il motivo principale è che per molti settori le vendite si sono praticamente bloccate, vedi viaggi e hotel, per altri sono crollati anche del 90%, come nel caso della ristorazione e per quasi tutti sono notevolmente diminuiti.

Il problema per chi fa marketing in questo periodo è che non si può “Fare acquisition”, ovvero non si possono acquisire nuovi clienti. O meglio è molto complesso, in quanto è molto difficile ottenere un ROI soddisfacente nel breve tempo.

In questo contesto, strumenti che promettono un ritorno immediato, come Facebook Ads o Google Ads, vengono trascurati in favore di investimenti più a lungo termine come la SEO.

In poche parole, in un momento in cui:

  • Si vende di meno
  • Si guadagna di meno
  • c’è meno budget da investire in marketing
  • è aumentata la concorrenza nell’e-commerce

Investire sulla SEO, notoriamente uno strumento che impiega anche mesi per produrre risultati, diventa più conveniente.

Oltre a scegliere la SEO, vi consiglio anche di investire nel vostro brand, aumentandone visibilità e notorietà. Vi tornerà molto utile in seguito.

Definizione e significato

Come ho anticipato nel paragrafo precedente, S.E.O. è un acronimo e sta per “Search Engine Optimization”. Traducendo in italiano, SEO significa “Ottimizzazione per i motori di ricerca”, ma ottimizzazione di cosa?

Ottimizzazione di un sito, di un blog o di un e-commerce secondo le “Regole SEO” e il rispetto dei “Fattori di Ranking“.

In altre parole, con “SEO” si tende ad includere tutto l’insieme di strategie e regole che permettono ad una pagina web di comparire in prima pagina nella SERP per una determinata parola chiave.

Come funziona la SEO

A questo punto abbiamo capito che la SEO ci permette di posizionare un contenuto in prima pagina nella SERP di Google (o di un altro motore di ricerca), ma come avviene questo processo?

Mettiamo che volete aprire un e-commerce per vendere eBike, il vostro obiettivo in questo caso sarà arrivare in prima pagina nella SERP con più parole chiave possibili legate al settore.

Per ottenere questo risultato andiamo a compiere una serie di operazioni sulle nostre pagine con l’obiettivo di utilizzare il maggior numero di “Fattori di Ranking”.

Una volta terminato il lavoro di ottimizzazione attendiamo il passaggio dell’algoritmo di Google che deciderà di valutare il nostro sito secondo quelli che sono i fattori di ranking. A termine dell’analisi dell’algoritmo, verrà stabilito il posizionamento nella SERP.

Cosa devi sapere sull’algoritmo di Google

Quanto riportato precedentemente è solo una semplificazione di un processo del quale, in realtà, abbiamo veramente poche certezze.

  • L’algoritmo di Google è in continuo aggiornamento
  • Essere in prima posizione oggi, non significa esserlo domani
  • I fattori di ranking variano nel tempo
  • Scrivete contenuti per gli utenti, non per l’algoritmo
  • Scrivete contenuti sintetici ed esaustivi
  • Non usate 1000 parole quando ne bastano 300 (per esempio)

Infine, sappiate che l’algoritmo di Google è al pari di una intelligenza artificiale (AI) che cerca di imitare il comportamento umano.

Leggi anche “Che cos’è Google BERT? (non è solo un algoritmo)

Differenza tra SEO e SEM

SEM significa “Search Engine Marketing”, cambia una sola parola ma, con essa, cambia tutto il concetto.

Qui infatti “L’ottimizzazione” per i motori di ricerca ha lasciato spazio al “Marketing”, pertanto parliamo appunto di “Marketing per i motori di ricerca”.

Andiamo però ad approfondire il discorso.

Il traffico generato dalla SEO viene detto organico, così da distinguerlo dal traffico generato dalla PPC, ovvero da Google Ads.

In entrambi i casi però parliamo di strategie di marketing che utilizzano i motori di ricerc ma, se nel primo caso si tratta solo di “Ottimizzazione”, nel secondo entrano in gioco molti più fattori.

Pertanto, diversamente da quello che molti pensano, SEM e SEO non sono 2 strategie diverse, la SEO infatti è una parte della SEM.

Nonostante questo, in moltissime aziende si tende ad identificare la figura del “SEM Manager” come la persona che si occupa solo di Google Ads. Questo è un concetto sbagliato, ma non so dirvi se vale la pena farlo presente ad un potenziale cliente o ad un potenziale datore di lavoro 😀.

Perché fare SEO?

Vi state chiedendo perché fare SEO? Sappiate allora che la vostra domanda è profondamente sbagliata.

Quello che dovreste realmente chiedervi è “Perché NON fare SEO?”

Questo per dirvi che, a mio parere, bisogna sempre seguire la SEO, anche se il proprio canale di vendita primario è, per esempio, la PPC.

Quanto costa la SEO

Durante le mie consulenze SEO online questa è forse la domanda più difficile di tutte. La SEO infatti, nonostante non possa darvi alcuna certezza, è molto costosa.

Il prezzo ovviamente varia a seconda del tipo di lavoro, delle ore di lavoro necessarie e dalla concorrenza del settore di riferimento: ma le cifre non sono mai basse.

Il motivo è che la SEO offre una certezza: se raggiungi la prima pagina, vendi.

Oltre a questa importante certezza, l’altro punto di forza della SEO è che un lavoro di ottimizzazione può durare per anni. In poche parole, una volta raggiunta la prima pagina, potreste mantenerla per anni anche senza far niente.

In genere però è sempre necessario qualche lavoro di ottimizzazione e aggiornamento.

Pertanto un’analisi SEO in genere parte da circa 1000 euro, un SEO manager costa almeno 500 euro al mese, mentre una consulenza SEO, in questo caso la mia, costa 39 euro l’ora.

I SEO tools

I SEO tools sono dei programmi che possono aiutarvi molto nel vostro lavoro di ottimizzazione, ma non basta usarli per essere un bravo SEO manager.

I SEO Tools gratuiti

I programmi riportati di seguito li considero, personalmente, i migliori SEO tools che il mercato offre. Tenete presente, infatti che con questi 3 semplici strumenti, per di più gratuiti, potrete svolgere la maggior parte delle mansioni di un SEO manager.

  • Google Search Console
  • Lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads
  • Google Analytics

I SEO Tools a pagamento

Se dovete però gestire centinaia, se non migliaia, di pagine e di parole chiave, comprese le code lunghe, allora dovete ricorrere ad alcuni strumenti a pagamento. Il più completo è sicuramente SEMrush, un po’ costoso ma ricco di funzioni.

La maggior parte degli altri programmi svolgono funzioni simili a SEMrush, hanno un costo inferiore ma anche meno funzioni. Tra i SEO tools a pagamento, posso segnalarvi “SE Ranking”: io lo utilizzo e lo trovo ottimo.

Uno strumento molto utile e diverso dagli altri è “Screaming Frog”, un SEO spider che vi permette di analizzare in breve tempo migliaia di url.

Il costo è anche molto contenuto, bastano infatti 149 sterline l’anno.

Glossario SEO (essenziale)

Di seguito alcune parole utilizzate frequentemente quando si parla di SEO. In questo paragrafo mi limiterò a darne una definizione rapida.

SERP

“Search Engine Result Page”, ovvero la pagina generata da Google dopo ogni ricerca effettuata. Lo studio della SERP è fondamentale per la SEO.

Query

Riferita ai motori di ricerca, la “Query” è la parola chiave, intesa però come “Domanda”, con la quale si effettua una ricerca su Google. Può essere intesa anche come sinonimo di “Parola chiave” anche se, sarebbe più corretto definirla come “Un’interrogazione del motore di ricerca”.

Indicizzazione

Il termine si riferisce ad alla prima volta che un contenuto viene segnalato a Google attraverso la sitemap e si posiziona all’interno della SERP.

Posizionamento

Il posizionamento riguarda la posizione di una pagina web in merito ad una precisa parola chiave. Si parla di posizionamento di un contenuto durante la sua ottimizzazione.

Search Intent

Per Search Intent si intende “L’Intento di ricerca” di un utente, ovvero “Cosa sta veramente cercando quando digita una parola chiave all’interno del motori di ricerca”.

Algoritmo di ricerca

L’algoritmo di ricerca è una sorta di AI con la quale Google analizza le pagine web per posizionarle all’interno della SERP in relazione ad una determinata parola chiave.

Coda lunga

Si tratta di una parola chiave più specifica che ingegnere contiene più parole risultando “Più lunga”. Per esempio, “camicia da uomo” è una parola chiave, mentre “Camicia da uomo su misura” è una coda lunga.

Ranking Factors (Fattori di ranking)

Sono i fattori che determinano il posizionamento di un contenuto per una o più parole chiave. I fattori di ranking sono circa 200 e si suddividono in “online” e “offline”.

SEO on Page

La “SEO on Page” è l’insieme delle tecniche SEO applicate direttamente all’interno della pagina.

SEO off Page

La SEO off Page è l’insieme delle tecniche SEO che vengono svolte all’interno del sito, come per esempio il Link Building.

Black Hat SEO

L’insieme delle strategie, vietate da Google, utilizzate per posizionare un contenuto per una o più parole chiave.

Leggi anche “Che cos’è la Black Hat SEO“.

Local SEO

La S.E.O. applicata alle ricerche locali. (Local SEO)

Chi è il SEO Manager

Il SEO manager è la figura professionale che si occupa del posizionamento del vostro sito sui motori di ricerca. Il suo lavoro consiste prevalentemente nell’analisi costante del sito e dei competitor, sia dal punto di vista del codice che dei contenuti.

Conseguentemente al lavoro di analisi coordina le varie attività di ottimizzazione, che coinvolgono in genere il webmaster e il copywriter.

La consulenza SEO

Dopo tutto questo parlare di SEO e posizionamento sui motori di ricerca non resta che darvi appuntamento al prossimo articolo. In alternativa però vi ricordo sempre che è possibile prenotare una consulenza SEO online per analizzare il vostro sito e studiare nuove strategie per scalare la SERP.

Di Stefano Gallon

SEO Specialist dal 2009, mi occupo dello sviluppo di strategie per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Appassionato di Politica e Influencer, che poi forse sono la stessa cosa...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.